martedì 18 settembre 2018

Via al raddoppio dell'acquedotto del Peschiera




     L'acquedotto del Peschiera è il più importante acquedotto romano rifornisce l’80% dei cittadini della capitale e non solo. A breve partiranno i lavori per mettere in sicurezza la capitale sul fronte idrico per i prossimi 100 anni. La concessione verrà prorogata a giorni fino al 2030. Non sarà un raddoppio della portata d’acqua ma l’affiancamento di una nuova conduttura a quella esistente che permetterà anche di effettuare efficaci lavori di manutenzione. La spesa è sui 3-400 milioni di euro. La prima pietra della nuova imponente opera sarà collocata nel 2020, la fine dei lavori quattro anni dopo. Dal 4 ottobre mostra fotografica al Palazzo delle Esposizioni per gli 80 anni della struttura (i lavori iniziarono nel 1937, costò la vita a 43 operai). La sorgente è a Cittaducale, in provincia di Rieti, ha resistito a terremoti, è stata sorvegliata speciale durante la guerra in Iraq e dopo gli attacchi alle Torri Gemelle dell’ 11 settembre 2001.
Nella foto in alto la fontana di piazzale degli Eroi nel quartiere Trionfale,
mostra terminale dell'Acquedotto del Peschiera.

   E' considerato uno dei maggiori acquedotti d’Europa, la cui entrata in servizio fu celebrata con una solenne manifestazione alla presenza del presidente della Repubblica Luigi Einaudi. Doveva essere una fontana provvisoria, venne realizzata in fretta in vista dell’Anno Santo del 1950, la fontana definitiva doveva sorgere in piazzale Clodio. La fontana si ispira a quella delle Najadi a piazza della Repubblica (Pia Antica Marcia), è costituita da una grande vasca circolare all’interno della quale si erge una composizione a più livelli a base ottagonale. La struttura centrale presenta i lati maggiori concavi, in cui si aprono valve di conchiglie, il suo aspetto scenografico è costituito dai numerosi giochi d’acqua che coronano l’alto zampillo centrale.

     L’acquedotto del Peschiera-Capore è il principale di Roma, convoglia le acque del fiume Peschiera e delle Capore, in provincia di Rieti, è uno dei più grandi del mondo a trasportare solo acqua di sorgente, ha una portata di 14.000 litri al secondo, ha una lunghezza di 130 Km, il 90% sotterraneo. Oggi fornisce l’85% delle acque di Roma. I lavori per la realizzazione dell’acquedotto sono iniziati nel 1937 secondo un progetto del 1908, parte da una grande caverna di circa 20 metri di diametro sulle pendici delmonte Nuria. L’acquedotto sotterraneo è interrotto da tre ponti canali che superano i fiumi Salto, Turano e Tancia, compiendo un salto che aziona dal 1940 la centrale elettrica di Salisano. Prosegue il percorso con due ponti che sostengono le condotte in acciaio per attraversare la ferrovia Roma-Firenze e il fiume Tevere presso la stazione di Poggio Mirteto. Le vasche di carico si trovano a Ottavia, un’altra di smistamento a Trionfale nella zona di Monte Mario. La portata d’acqua è stata aumentata nel 1980 con la captazione di altre sorgenti del fiume Farfa presso Capore. L’acqua impiega 18 ore prima di giungere nelle case dei romani.
     La cerimonia di inaugurazione della fontana fu di grande effetto, il 27 ottobre 1949, l’ing. Giuseppe Ferrari, presidente Agea offrì l’acqua al presidente della Repubblica in un bicchiere utilizzato ottanta anni prima da Pio IX nel corso della identica cerimonia per la fontana dell’Acqua Marcia Pia, poi delle Najadi[1].


[1] Acquedotto del Peschiera. La notizia della cerimonia di inaugurazione da: la Repubblica del 27.10.2013, articolo “L’acqua del Peschiera da Rieti a piazzale degli Eroi” a firma di Claudio Rendina.

Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova il monumento che vedi sotto.

Nella foto di ieri il monumento all'Alpino presso la Fortezzuola di villa Borghese.

lunedì 17 settembre 2018

Forum sulla ciclabilità a Roma

   Un importante Forum sulla ciclabilità a Roma farà il punto sulla situazione della mobilità ciclistica nella nostra città. L'appuntamento è per martedì 18 settembre dalle ore 14,30 alle ore 19,15 presso la Casa dell'Architettura in piazza Manfredo Fanti 47 (metro A Vittorio Emanuele). Sarà moderatore Roberto Pallottini del Coordinamento Roma Ciclabile.
   E' un appuntamento da non mancare!


Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova il monumento che vedi sotto.

Nella foto di ieri largo Marcello Mastroianni a villa Borghese presso la Casa del Cinema.

domenica 16 settembre 2018

Sulle tracce di Gustavo Giovannoni


   Questa mattina VediROMAinBici ha organizzato una lunga e piacevole pedalata sulle tracce di Gustavo Giovannoni (1873-1947) architetto e urbanista romano che ha operato a Roma nei primi anni del Novecento. A lui si devono: il Piano generale del quartiere di piazza Caprera nel quartiere Trieste nel 1907, stabilimento della birra Peroni a via Alessandria nello stesso anno e ampliamento negli anni successivi, la progettazione generale della Città Giardino Aniene nel 1920 oggi Monte Sacro (con il ponte Tito Tazio e la chiesa dei Santi Angeli Custodi), il piano generale della Garbatella (piazza Brin, via Guglielmotti).


   In 27 persone abbiamo toccato via Alessandria con la ex sede della Birra Peroni, quindi abbiamo raggiunto il quartiere di Monte Sacro con il ponte Tito Tazio e piazza Sempione.

Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova il largo che vedi sotto.
Nella foto di ieri il largo Anna Magnani in villa Borghese,
presso la casa del Cinema.

sabato 15 settembre 2018

Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova largo Anna Magnani.

Nella foto di ieri il laghetto di villa Borghese.

venerdì 14 settembre 2018

Tante ghiotte occasioni per conoscere la Caffarella


   Grazie al sempre attivo Comitato per il Parco della Caffarella prossimamente ci saranno tante ghiotte occasioni per conoscere questo meraviglioso parco che è una parte della Parco Regionale dell'Appia Antica.
   Domenica 16 settembre alle ore 18 esplorazione partecipata su No Plastic Pollution.
   Sabato 22 e domenica 23 settembre: oktoberfest in Caffarella.
   Da sabato 22 settembre dalle ore 9 Parkrun in Caffarella, tutti i sabati si corre.
Per altre info consultare il sito della Caffarella.

Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova questo laghetto artificiale.

Nella foto di ieri l'ingresso a villa Borghese da via Pinciana.

giovedì 13 settembre 2018

Per le utenze non domestiche parte il porta a porta


   Una bella notizia che ci avvicina alle città europee e del nord Italia. Si va verso una città più pulita, con un conferimento dei rifiuti più razionale ed ecosostenibile. Speriamo presto si arrivi al porta a porta in tutta Roma anche per le utenze domestiche.


   Parte la raccolta dei rifiuti porta a porta per bar e negozi. Il piano è affidato a privati per tutte le utenze non domestiche. Il servizio riguarda 85.000 utenti e si sbloccano le assunzioni. Spesa 131.000 euro. Sarà a regime entro la fine di novembre.


Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova l'ingresso di villa Borghese che vedi sotto.
Nella foto di ieri l'ingresso di villa Borghese da porta Pinciana.

mercoledì 12 settembre 2018

Al via la pista ciclabile sulla via Prenestina

     Entro l'anno sarà bandita la gara per la nuova pista ciclabile su via Prenestina da viale Palmiro Togliatti a porta Maggiore. Si tratta di Km 5,7 nei municipi IV e V. Ultimata la gara d'appalto i lavori inizieranno entro l'estate del 2019.
    Il progetto esecutivo prevede una pista a unico senso di marcia , con dispositivi retroriflettenti e di una striscia di margine a effetto sonoro. La pista si snoda su aree ora adibite alla sosta dei veicoli. Sarà un bike line. Impedirà la sosta in doppia fila. Avrà la larghezza di m 1,5. L'obiettivo è quello di far raggiungere il centro della città dalla periferia. Questa si connetterà con la ciclabile già esistente sulla Togliatti e tramite quest'ultima con la ciclabile della Tuscolana. La pista ciclabile avrà un'ampiezza ridotta in corrispondenza del sottovia ferroviario e davanti alla sede Atac. Tra largo Preneste e via Fanfulla da Lodi sarà su marciapiede (già esistente).
   Una bella notizia per tutti i romani!

Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova l'ingresso a villa Borghese che vedi sotto.

Nella foto di ieri l'ingresso a villa Borghese da piazzale Flaminio.

martedì 11 settembre 2018

Niente più certificati medici a scuola dopo i 5 giorni

   Sembra proprio che sia così.
In queste ore il Consiglio Regionale sta discutendo se approvare la norma che abolisce l’obbligo del certificato medico dopo i cinque giorni di assenza da scuola. Il Lazio sarebbe la nona regione italiana ad adottare questa decisione. Fa parte delle disposizioni per la semplificazione. Per l’Ordine dei Medici è un modo per togliere un carico inutile e semplificare la vita a tutti. Le malattie sono contagiose in fase di incubazione e non di convalescenza. Si farà eccezione se ci fosse un’epidemia esempio di morbillo e il ministero prescrivesse il certificato. A nostro modesto parere questo provvedimento non mi sembra saggio, un controllo medico ci vuole, anche per evitare che i giorni di assenza a scuola avvengano per motivi non sanitari.

Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova l'ingresso a villa Borghese che vedi nella foto sotto.

Nella foto di ieri l'ingresso a villa Borghese da viale delle Belle Arti.