lunedì 20 novembre 2017

Un libro sul Grab


   Una interessante iniziativa per tutti gli amanti della bici e di chi vuole una città più vivibile. Venerdì 24 novembre presso la biblioteca Moby Dick di via Edgardo Ferrati 3 nel cuore della Garbatella, di fronte al teatro Palladium, alle ore 18, ci sarà la presentazione del libro sul Grab ad opera di Alberto Fiorillo.
   Una occasione da non perdere per una pista ciclabile molto importante per la nostra città. Nella foto l'edificio degli ex bagni pubblici ora trasformato in centro culturale dalla regione Lazio.

Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova la strada che vedi sotto.

Nelle foto di ieri via della Tribuna di Tor de Specchi,
alle spalle di via del Teatro di Marcello.

domenica 19 novembre 2017

Notizie certe sulle nuove piste ciclabili romane.

   Finalmente abbiamo notizie certe sulle future piste ciclabili, o bike line, romane.

A gennaio parte il cantiere della ciclabile Nomentana da porta Pia a piazza Sempione dove entrerà in connessione con la pista ciclabile dorsale Aniene. Entro quest’anno il bando per il percorso sulla via Tuscolana (dal Quadraro a Cinecittà = Km 2,2), nei primi mesi del 2018 la gara per la pc sulla via Prenestina (da porta Maggiore alla Togliatti Km 5,6). Il Comune ha confermato che sta valutando la possibilità di un bike sharing senza postazioni fisse.
   Vediamo con piacere che qualcosa si muove. Nella foto la pista ciclabile presso le Terme di Caracalla.

Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova la strada che vedi sotto.


Nella foto di ieri via Tomacelli,
tra il Corso e il Tevere (via dei Condotti).

sabato 18 novembre 2017

Una giornata storica per il mondo della bicicletta in Italia

   Pochi giorni fa, il 14 novembre la Camera dei Deputati ha approvato all'unanimità la Legge Quadro sulla Mobilità Ciclistica - ora passa la Senato. Con questa legge il tema delle piste ciclabili diventa di interesse nazionale come la rete ferroviaria o autostradale. Questo è il modo migliore per abbattere l'inquinamento nelle grandi città, la congestione da traffico, la mortalità per incidenti stradali.
   Facciamo nostra la dichiarazione rilasciata dalla presidente della Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) Giulietta Pagliaccio e che ci permettiamo qui di riportare per interno.

15 novembre 2017 ­L’approvazione all’unanimità, ieri alla Camera, della Legge Quadro sulla Mobilità Ciclistica (che ora passa al Senato) rappresenta anche secondo Giulietta Pagliaccio, presidente FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta un grande momento storico che sottolinea il cambiamento in corso sul tema della mobilità. Cambiamento certamente sostenuto da altri provvedimenti messi in campo da questo Governo negli ultimi anni, come le risorse per la rete nazionale delle ciclovie e il collegato ambientale, che ha premiato progetti di città impegnate nello sviluppo di temi come bike2work e il bike2school”.
Il risultato della votazione sancisce, infatti, un’adesione reale e un impegno concreto del mondo politico verso i temi di mobilità sostenibile e ciclistica in particolare“Non mi stancherò mai di ribadire come la bicicletta sia un mezzo che, insieme al trasporto pubblico e al muoversi a piedi, può dare risposte ai gravi problemi delle nostre città, in tempi brevi e con investimenti contenuti: inquinamento dell’aria, congestione da traffico, sicurezza sulle nostre strade”, prosegue Giulietta Pagliaccio.

“Lo straordinario traguardo raggiunto ieri con l’approvazione della Legge sulla mobilità ciclistica premia le tante città che faticosamente portano avanti politiche per la mobilità sostenibile e che, oggi, possono avere il supporto di una politica nazionale. Auspicando che la legge passi all’approvazione del Senato prima della fine delle legislatura, mi piace oggi vedere un po’ di ‘luce in fondo al tunnel’, che ci sproni a percorrere con coraggio la lunga strada per portare la mobilità ciclistica italiana al livello dei migliori paesi europei”.

Con un caloroso messaggio affidato nella notte ai social, la presidente di FIAB ha voluto ringraziare in particolare l’onorevole Paolo Gandolfi, che ha sostenuto questo provvedimento fin dalla sua prima presentazione in Parlamento nell’aprile 2014, “per aver messo in campo, insieme alla sua esperienza di amministratore pubblico, la competenza tecnica e la tenacia, ma, soprattutto, il cuore”.
Giulietta Pagliaccio esprime apprezzamento per i frutti del lavoro fatto negli anni da FIAB: “penso, ad esempio, all’impegno di due soci storici della nostra Federazione come Lello Sforza e Claudio Pedroni, che hanno contribuito alla stesura del primo testo diventato poi proposta di legge, o alla lunga e faticosa azione di promozione della bicicletta svolta con costanza e dedizione dal nostro fondatore, Gigi Riccardi”.

Condivise in pieno da FIAB anche le dichiarazioni del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrioche ieri ha detto: “Oggi si celebra soprattutto un fatto culturale: lo Stato assume pienamente la pianificazione della mobilità ciclistica, insieme alle Regioni. Esattamente come il sistema autostradale o il sistema ferroviario, con questa legge la ciclabilità fa parte di una strategia di mobilità che diventa prioritaria nei centri urbani e  per lo sviluppo del turismo nel nostro Paese.” E ancora: Se si riesce a stimolare l'uso della bicicletta nei primi 5 km, si possono ottenere riduzione del traffico cittadino del 40%: cose che non nessuna tecnologia può fare”(fonte: http://www.mit.gov.it/comunicazione/news/approvata-legge-mobilita-ciclistica).

Guardando al passaggio che ora la legge deve fare in Senato per l’approvazione definitiva, Giulietta Pagliaccio lancia un appello: Non interrompete un sogno che vorremmo diventasse velocemente realtà: l'Italia ha finalmente intrapreso un percorso virtuoso per lo sviluppo di un nuovo modello di mobilità, ma ha bisogno di essere sostenuta da coerenti politiche nazionali, norme nuove come quelle legate al Codice della strada e finanziamenti continuativi nel tempo”.

Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova la strada che vedi sotto.


Nella foto di ieri via Sistina.

venerdì 17 novembre 2017

Bike sharing: il comune sembra intenzionato a riattivare il servizio.

Bici a Milano del bike sharing del Comune.

   La sindaca di Roma Virginia Raggi alla seconda conferenza internazionale "Velocittà" ha dichiarato che sta pensando ad una nuova formula di bike sharing a flusso libero senza i classici stalli, perchè tale sistema si possa diffondere nelle periferie. Tale sistema esiste già a Milano ed in alcune città europee, è gestito da società cinesi con l'avallo e l'accordo con il comune.
  La sindaca ha inoltre dichiarato: "Parliamo di un cambiamento culturale che permetta ai cittadini romani di iniziare a considerare la bicicletta un vero e proprio mezzo di trasporto quotidiano. Chiaramente tutto questo accompagnato da piste ciclabili per facilitare ogni spostamento".
   Speriamo vivamente che dalle parole di passi ai fatti.

Avviso urgente per tutti i ciclisti romani

   Una grande lastra di marmo sembra essersi staccata dalla parete di Lungotevere Prati e rischia di cadere sulla sottostante pista ciclabile Dorsale Tevere Nord. Speriamo che al più presto le autorità competenti intervengano per evitare qualunque rischio ai ciclisti di passaggio.

Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trovano le lapidi che vedi sotto.


Nella foto di ieri via di Sant'Eustachio,
presso il Pantheon.

giovedì 16 novembre 2017

Sorprese della fontana di Trevi!


   La fontana di Trevi è la fontana più bella del mondo. Così dicono le guide turistiche, i manuali... di certo per noi romani e per milioni di turisti in tutto il mondo è uno dei simboli della città eterna.
   Ma vi siete mai chiesti quante monetine vengono gettate nella grande vasca alla base della fontana? E dove vanno a finire quei soldi? Dai giornali del giorno 10 abbiamo saputo che nel 2016 sono state raccolte monetine per un valore di 1,4 milioni di euro. Da tale raccolta risulta che sono in aumento i dollari australiani, ma si trovano monete cinesi, giapponesi, indiane... insomma finiscono lì monete da tutto il mondo.
   Fino a marzo 2018 i soldi della vasca finivano alla Caritas, dopo tale date una commissione comunale deciderà a chi andranno. Speriamo che rimanga comunque una destinazione a favore di enti no profit.



Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova la strada che vedi sotto.
Nella foto di ieri via Santa Maria del Pianto,
presso il Portico d'Ottavia.

mercoledì 15 novembre 2017

Pista ciclabile Roma - Fiumicino lungo il Tevere

   Il comune di Fiumicino sta realizzando la pista ciclabile che dal paese di Fiumicino risale il corso del fiume Tevere fino a Parco Leonardo. Non si capisce perchè nulla viene fatto nel territorio del comune di Roma, eppure mancano pochi chilometri, dalla fine della ciclabile Tevere Sud (ponte di Mezzocammino), fino a Parco Leonardo. In pratica un sentiero pedonale e ciclabile c'è già.
   A questo proposito mi permetto di pubblicare la bellissima lettera di Gianfranco Di Pretorio, responsabile della Federazione Ciclistica Italiana per il Lazio. Ringrazio l'autore del testo che mi ha autorizzato a riprodurla.


Cari amici ciclisti,
   cari cicloturisti italiani e stranieri, ci è ancora negata la gioia di pedalare tranquillamente da Roma al mare. Il completamento (11 km) della pista ciclabile ROMA-FIUMICINO  lungo l’argine del fiume Tevere avrà tempi lunghi, se li avrà. Il progetto,approvato e finanziato per ben due volte dalla Regione Lazio (2009-2013) è stato inserito nella Ciclovia Tirrenica. Il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti  dovrebbe elargire 300 milioni di Euro per realizzare quest’opera elefantiaca. Nulla da eccepire alle ciclovie, anzi continuiamo le  caldeggiamo, ma noi ciclisti romani non possiamo attendere i tempi lunghi  perchè la Roma-Fiumicino è un’infrastruttura necessaria come l’aria per vivere. I nostri morti e feriti per raggiungere in bici  il litorale attraverso la via Portuense e la Cristoforo Colombo,meritano una maggiore sensibilità politica, un’impegno risolutivo, sganciato da ogni altra opera, per  unire la Capitale a Fiumicino.
   Aspetto una risposta dall’Assessore della Mobilita’-Regione Lazio   Michele Civita ( inviata  una R R il  14 11 2017 n.55619-06-216) e per conoscenza dalla Sindaca di Roma Virginia Raggi , affinche’ si faccia chiarezza sull’annosa questione della P C ROMA-FIUMICINO, cominciando con il precisare perchè non sono iniziati i lavori da parte del Comune di Roma all’avvenuto finanziamento di circa 1.700.000 . Inserire  tale opera nella Ciclovia Tirrenica  non ci rassicura, anzi da’ l’impressione che la Regione si sia liberata di un’impegno diretto per affossarlo nel calderone ministeriale. A questo punto non rimane che attendere con occhi aperti  sperando che non passi altro tempo!

Gianfranco  Di Pretoro
Situazione della pista ciclabile Fiumicino - Parco Leonardo
nell'estate 2016.

Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova la strada che vedi sotto.
Nella foto di ieri via San Giuseppe Labre
al rione Monti.

martedì 14 novembre 2017

Ancora novità nel quadrante Ostiense.

   Il quartiere Ostiense vive un grande cambiamento da alcuni anni a questa parte. Si tratta di cambiamenti urbanistici che stanno cambiando il volto del quartiere, una volta pieno di fabbriche e abitato da operai. Basti pensare agli ex Mercati Generali, alla Centrale Montemartini, all'area della vetreria San Paolo poi diventata sede di Roma Tre, al cavalcaferrovia Ostiense oggi ponte Settimia Spizzichino. All'area gigantesca della Manifattura Tabacchi.  

   Questa volta le novità vengono dall'Università di Roma Tre che ha deciso di fare cassa. Sono state messe in vendita uffici per 13 milioni. Sono tre palazzine affacciate sulla via Ostiense e un’altra all’interno con giardino e parcheggio annesso. 3.000 mq coperti e 3.000 scoperti. Un vero laboratorio di rigenerazione urbana all’Ostiense. Nei prossimi anni tre torri di cristallo sorgeranno al n 133 di via Ostiense, vicino al ponte Spizzichino. Saranno i nuovi palazzi del Rettorato, nel complesso gli uffici amministrativi, il Dams, la segreteria studenti. Il progetto è dello studio bolognese di Mario Cucinella.

Sei romano de Roma se...

sai come si chiama e dove si trova la strada che vedi sotto.
Nella foto di ieri via San Francesco di Sales
nel rione Trastevere.