mercoledì 12 giugno 2019

Qual'è il simbolo di Roma?


   Se dovessi dire qual'è il simbolo di Roma, ovviamente da cercare non nei monumenti, perchè qui il ragionamento è facile: il Colosseo, oppure la basilica di San Pietro, ma anche fontana di Trevi o la scalinata di Trinità dei Monti. Ma se dovessi scegliere il simbolo di Roma, quello di una Roma vissuta dai romani, della Roma di tutti i giorni, non avrei dubbio, la scelta ricadrebbe sui sampietrini o sulle fontanelle che buttano acqua giorno e notte, fonti inesauribili di frescura nelle calde giornate romane.
 
Sampietrini e basoli romani sull'Appia Antica.

   Il Comune di Roma ha deciso: sampietrini via da 68 strade, saranno riposizionati nelle strade pedonali del centro storico (in 113). Si comincia da via IV Novembre. Il piano è stato presentato nella sala Pietro da Cortona, con il placet di due soprintendenze. Resteranno a piazza Venezia con una spesa di 5 milioni di euro saranno riposizionati. Con 6 milioni di euro verranno tolti da viale Aventino, rimessi in via del Corso. Via i sampietrini da via Marsala e via Nazionale. I lavori partiranno nel 2020. Il piano prevede uno stanziamento di 10-15 milioni. Contraria Italia Nostra per la quale le strade esistenti prima del 1870 devono rimanere con i sampietrini.
     I sampietrini furono una rivoluzione voluta da papa Sisto V alla fine del Cinquecento, selci di materiale lavico troncopiramidali, lo stesso usato dagli antichi romani per i basoli delle strade consolari. Non più il mattonato o la terra battuta per le strade di Roma, fu un progresso. Si può chiamare sampietrino e sanpietrino, fu chiamato così dal 1725 quando papa Benedetto XIII Orsini decise di far lastricare piazza San Pietro. Furono usati fino al 1960. Nel posizionare i nuovi sampietrini sotto non ci sarà la sabbia ma un sottofondo armato.
Piazza del Fico, fontanella e sampietrini.

Nessun commento:

Posta un commento